<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=265538&amp;fmt=gif">

MIGLIORARE LA STAMPA FLESSOGRAFICA CON I NASTRI PER MONTAGGIO CLICHÉ

Pubblicato da Silvano Tamai il 27/02/2020 - Reading time: 3 minutes
Mi puoi trovare su:

stampa flessografica

La stampa flessografica è utilizzata nel settore della produzione di film plastici per l’imballaggio e il confezionamento alimentare e merceologico. Si tratta di un metodo di stampa rotativa diretta, il cui impiego, oggi, è esteso a diversi settori produttivi.

Proprio per la diffusione della tecnologia e la nascita di strumenti all'avanguardia, i responsabili del montaggio cliché devono affidarsi a soluzioni altrettanto valide ed efficaci: nell'articolo di oggi parliamo delle caratteristiche dei nastri per il montaggio delle lastre flessografiche.

Il ruolo dei nastri per il montaggio dei cliché nella stampa flessografica

L’obiettivo della catena del valore impiegata nel montaggio dei cliché è assicurare processi ottimali e qualitativamente soddisfacenti.

I nastri utilizzati nel montaggio delle lastre flessografiche hanno un impatto cruciale sul risultato: agendo come collante tra sleeve e cliché determinano la qualità della stampa finale.

New call-to-action

Adattarsi a qualunque condizione di stampa è una tra la caratteristiche richieste ai biadesivi. E le altre? Vediamole nei prossimi paragrafi.

Capacità adesiva

Si tratta di una delle condizioni necessarie da valutare in fase di analisi delle proprietà dei nastri biadesivi. La capacità adesiva è un indicatore dell’efficacia e della sicurezza garantite dalla soluzione, a patto che, ovviamente, sia equilibrata.

Il nastro deve sì fissarsi al cilindro e far aderire perfettamente la matrice ad esso, ma l’adesività non deve essere così forte da dover applicare forzature in fase di rimozione dei cliché, che potrebbero danneggiare lo stesso fotopolimero, compromettendo le fasi successive del processo di stampa.

Allo stesso modo, un’applicazione poco decisa potrebbe causare il sollevamento della lastra durante la rotazione della sleeve, con conseguenze immaginabili per il risultato finale.

Velocità di stampa

Si tratta di una caratteristica che determina l’effettivo supporto del nastro nell'ottimizzazione dei processi della catena del valore. Assicurare operazioni veloci permette di semplificare tutte le fasi, ridurre l’impatto della produzione sul costo del lavoro e incrementare i risultati.

stampa flessografica

Esigenze tecniche della stampa flessografica

Sono molti i dettagli da non trascurare quando parliamo di stampa flessografica e montaggio dei cliché.

Oltre a verificare che i nastri applicati riducano la formazione di bolle in fase di applicazione della matrice sul cilindro, è fondamentale scegliere la soluzione adatta al tipo di stampa. A seconda del materiale sul quale si dovrà stampare, occorre valutare una soluzione con o senza ammortizzanti; per quanto riguarda la prima categoria, sono disponibili nastri in diversi spessori che supportano il montaggio di un’ampia gamma di cliché, dai più dettagliati ai più semplici.

I biadesivi non ammortizzanti sono dotati di supporto filmico o telato e sono particolarmente indicati per la stampa di etichette in rilievo, su cartone ondulato e per la stampa offset a secco.

Soluzioni sostenibili e attente all'ambiente

Il tema della sostenibilità e della scelta di soluzioni attente agli sprechi e all'ambiente sono particolarmente influenti anche nel campo della stampa flessografica. Si tratta di sfide centrali per molte aziende che sono alla ricerca di tecnologie innovative e, possibilmente, riutilizzabili.

Twinlock® è una sleeve autoadesiva brevettata che ne garantisce l’utilizzo per un periodo di tempo stimato in 10 anni. La sua caratteristica principale riguarda la schiuma ammortizzante in poliuretano che ricopre la superficie, la cui adesività può essere riattivata dopo ogni utilizzo. Integrando questa soluzione all'interno della linea produttiva, non solo si ottimizzano i processi produttivi, annullando di fatto la fase di montaggio del nastro biadesivo sulla sleeve, ma si avvia una politica produttiva responsabile a attenta all'impatto del materiale di scarto sull'ambiente.


Nell'articolo di oggi abbiamo parlato di stampa flessografica e, in particolare, del ruolo dei nastri per il montaggio cliché sui processi interni. Come abbiamo visto, questa prima fase risulta determinante per preparare eccellentemente la matrice alle operazioni successive.

Affidarsi, quindi, alle soluzioni più innovative è fondamentale per garantire risultati di qualità e soddisfare le richieste più stringenti. La gamma di nastri per il montaggio cliché è ampia e comprende biadesivi con ammortizzanti diversi per rispondere alle necessità di stampa più specifiche; allo stesso modo, si stanno diffondendo soluzioni alternative e rivoluzionarie che permettono di ottimizzare le fasi preparatorie. Stiamo parlando di Twinlock®, una sleeve adesiva e riutilizzabile.

Vuoi saperne di più? Clicca qui sotto per ricevere una consulenza gratuita, scoprire i vantaggi della gamma tesa e trovare la soluzione ideale per soddisfare le tue necessità. Un nostro consulente sarà pronto a guidarti alla scoperta delle tecniche più adatte per la tua produzione.

New call-to-action

 

New call-to-action

Il blog di tesa dedicato al mondo industriale: Carta e Stampa

Resta aggiornato sulle tecnologie più innovative e scopri le soluzioni per ottimizzare i processi di stampa flessografica e migliorare la qualità delle lavorazioni.

Iscriviti alla newsletter di tesa Carta & Stampa!

New call-to-action

Articoli recenti