<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=265538&amp;fmt=gif">

MACCHINA FLESSOGRAFICA E NON SOLO: COSA INCIDE SULLA QUALITÀ

Pubblicato da Silvano Tamai il 18/03/2021 - Reading time: 4 minutes
Mi puoi trovare su:

macchina flessograficaLa flessografia è un metodo di stampa rotativa diretta impiegato nella produzione di film plastici per il confezionamento alimentare e merceologico.

Al contrario di quello che si potrebbe pensare, la completezza della macchina flessografica non è il solo elemento da considerare per ottenere risultati di qualità.

Ne parliamo nell’articolo di oggi, con un approfondimento su tutti gli elementi che incidono sull’efficienza produttiva.

Una buona macchina flessografica è sufficiente?

Chi opera nel settore della flessografia sa quanto la scelta di una macchina flessografica completa sia indispensabile per ottenere un prodotto finito privo di imperfezioni.

Oggi, i sistemi sono più aggiornati e comprendono funzionalità automatizzate e all’avanguardia.

È innegabile che le macchine flessografiche abbiano un ruolo decisivo nella realizzazione di prodotti finiti che rispondano alle richieste delle aziende. A dimostrarlo è la forte espansione del mercato, che oggi mette in campo strumenti sempre evoluti con l’obiettivo di velocizzare la produzione e ridurre l’impatto sull’ambiente.

Tuttavia, disporre di macchinari di ultima generazione non è sufficiente. Per ottenere risultati di qualità, è necessario ottimizzare tutte le procedure, a partire dal montaggio dei cliché, la fase preparatoria alla messa in stampa.

Solo così sarà possibile rispondere agli standard produttivi più stringenti. Ecco una panoramica degli elementi da non sottovalutare nelle procedure di stampa flessografica.

Cilindri e sleeve adesive

La preparazione della stampa flessografica, ovvero la fase di inchiostrazione della lastra fotopolimerica, si serve di cilindri o sleeve adesive. Questi supporti si integrano al sistema macchina, rivelandosi indispensabili per trattenere la matrice durante la rotazione.

Perché rispettino i requisiti di produzione più severi, le sleeve devono:

  • essere ben mantenute
  • garantire il passo stampa predefinito
  • tollerare l’adesività dei nastri biadesivi

Ai tradizionali cilindri sui quali fissare i biadesivi per montaggio cliché, si affiancano le sleeve adesive: tesa® Twinlock è una manica rivestita di uno strato di schiuma poliuretanica e da una pellicola di rivestimento in PET.

Questa conformazione determina la capacità della manica di mantenere inalterate la comprimibilità e le caratteristiche di stampa.

I bordi laterali della sleeve sono sigillati per contrastare l’effetto degli agenti esterni, come polvere e residui di inchiostro.

Rispetto ai cilindri tradizionali, che richiedono il montaggio del biadesivo prima e del cliché poi, tesa® Twinlock velocizza le procedure, migliorando l’impatto sull’ambiente.

New call-to-action

Nastri per il montaggio dei cliché di stampa

Chi opta per l’utilizzo di cilindri tradizionali può affidarsi a soluzioni adesive efficaci. Ci sono diversi elementi che possono guidare i responsabili di stampa nella scelta di biadesivi di ottima qualità; vediamoli.

Adesività: è bene affidarsi a soluzioni che permettano di ottenere una giusta adesività, né eccessiva né insufficiente. Una resistenza corretta si valuta dalla capacità del nastro di mantenersi ben saldo al cilindro e alla lastra flessografica, senza causare l’edge lifting, il sollevamento dei bordi dei cliché. Allo stesso modo, la resistenza adesiva non deve essere tale per cui, sollevando il nastro, il fotopolimero si danneggia.

Formazione di bolle: non è altro che un’imperfezione di stampa. Questo è un indicatore dell’usura del nastro adesivo; se si verifica, è il momento di cambiare prodotto.

Assortimento completo: un’ampia gamma di soluzioni adesive, che comprenda nastri dalla schiuma morbida e dura, risponde alle necessità di stampa più diverse.

Nastri di processo per la stampa flessografica

In questa categoria rientrano i componenti necessari alla macchina flessografica per portare a termine il processo di stampa. Anche in questo caso, è opportuno affidarsi a soluzioni che velocizzino le operazioni, prevenendo arresti o blocchi del sistema macchina.

Tra le soluzioni adesive indispensabili per prodotti finiti di qualità, troviamo:

  • nastri per il rivestimento dei cilindri/rulli
  • adesivi per la sigillatura del bordo della matrice
  • sistemi di segnalazione

macchina flessografica - nastri per giunteNastri di giunzione

I sistemi adesivi per giunte devono tener conto di diversi elementi, come:

  • velocità nel cambio bobina
  • riduzione dei tempi per la preparazione della bobina
  • riduzione del materiale di scarto

Come abbiamo visto nell’articolo di oggi, una macchina flessografica completa è una tecnologia essenziale per il raggiungimento di ottimi risultati. Tuttavia, per ottenere prodotti finiti di qualità che soddisfino le aziende clienti, è fondamentale affidarsi a soluzioni complementari basate su tecnologie adesive di ultima generazione.

Vuoi saperne di più? Prenota una consulenza gratuita e personalizzata, uno dei nostri tecnici esperti sarà al tuo fianco per guidarti nella scelta dei sistemi più adatti alla tua linea di produzione.

New call-to-action

New call-to-action

Il blog di tesa dedicato al mondo industriale: Carta e Stampa

Resta aggiornato sulle tecnologie più innovative e scopri le soluzioni per ottimizzare i processi di stampa flessografica e migliorare la qualità delle lavorazioni.

Iscriviti alla newsletter di tesa Carta & Stampa!

New call-to-action

Articoli recenti