<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=265538&amp;fmt=gif">

GLI UTILIZZI DEI NASTRI PER IL MONTAGGIO DELLE LASTRE FLESSOGRAFICHE

Pubblicato da Silvano Tamai il 14/03/2019 - Tempo di lettura: 3 minuti
Mi puoi trovare su:

nastri per il montaggio delle lastre flessograficheIl montaggio cliché è un’operazione cruciale per il suo impatto sull'intero processo di stampa. Per ottenere risultati eccellenti e superare le sfide più complesse, è essenziale impiegare prodotti di qualità e conoscere le tecnologie avanzate.

Scopri nell'articolo di oggi i nostri consigli per scegliere i nastri per il montaggio delle lastre flessografiche più adatti a ogni situazione.


Come scegliere i nastri per il montaggio delle lastre flessografiche?

La flessografia è un metodo di stampa rotativa diretta, utilizzato nel settore della produzione di film plastici per l’imballaggio ed il confezionamento alimentare e merceologico. Visto l’impiego sempre più diffuso ed esteso a diversi settori produttivi, le aziende sono alla ricerca di soluzioni che assicurino risultati eccellenti, ottimizzino i processi di stampa, dalla preparazione fino alla fase finale e che siano in grado, allo stesso tempo, di ridurre i costi limitando gli sprechi.

L’obiettivo del responsabile del montaggio cliché è garantire che le tutte le operazioni rispecchino gli standard qualitativi definiti dai clienti. Ecco perché risulta essenziale affidarsi a sistemi innovativi, capaci di adattarsi alle diverse condizioni di stampa e di corrispondere perfettamente ai parametri richiesti.

In questa fase, la scelta dei nastri per il montaggio delle lastre flessografiche deve essere accurata e mirata a ridurre il più possibile difetti ed imperfezioni. I tecnici, oltre a valutare la resistenza e la qualità dei biadesivi, devono dunque osservare una serie di aspetti, capaci di condizionare inevitabilmente le operazioni di inchiostrazione e produzione dei film. Approfondiamoli nelle prossime righe.

New call-to-action

Esigenze tecniche di stampa

Il primo elemento da considerare riguarda proprio il lavoro di stampa. A seconda del materiale sul quale si dovrà stampare, la scelta potrà ricadere su nastri biadesivi senza ammortizzanti o tradizionali.

La prima soluzione è particolarmente indicata per ottenere risultati ottimali e soddisfare gli standard di qualità attesi, grazie alla possibilità di scegliere tra un ampio assortimento di categorie e spessori. Questa caratteristica si rivela particolarmente vantaggiosa nei casi in cui emerga la necessità di lavorare con diversi cliché, dai più dettagliati e complessi, che richiedono una maggiore morbidezza della schiuma, ai più ricchi di fondi piani, per i quali è consigliabile una schiuma più dura. A questo link è possibile approfondire le differenze tecniche tra i diversi nastri per il montaggio delle matrici flessografiche e trovare la soluzione ideale per soddisfare tutte le necessità di produzione.

L’altra opzione riguarda i biadesivi non ammortizzanti, con supporto filmico o telato, destinati prevalentemente alla stampa di etichette in rilievo, stampa offset a secco, stampa su cartone ondulato o in presenza di sleeve comprimibili.

nastri per il montaggio delle lastre flessografiche

Una proposta completa e customizzata da parte del fornitore di biadesivi è garanzia di qualità ed efficienza, elementi essenziali per assicurare processi di stampa ottimizzati e risultati eccellenti. Nel prossimo paragrafo, analizzeremo l’adesività dei nastri, un ulteriore indicatore da esaminare in fase di valutazione delle soluzioni di stampa.

Le proprietà adesive

Una caratteristica essenziale da verificare in fase di valutazione degli strumenti per il processo di stampa flessografica è l’adesività dei nastri. L’efficacia del prodotto impiegato è evidente nella misura in cui è in grado di garantire un’adesività equilibrata, né eccessiva né troppo blanda, che permetta l’applicazione e la rimozione dei cliché senza forzature e senza residui. Queste proprietà hanno un impatto decisivo sul prodotto finale, perché un sollevamento della matrice durante la stampa può compromettere drasticamente il risultato finale.

Infine, occorre verificare che i biadesivi applicati riducano fino a eliminare completamente la possibile formazione di bolle, in fase di montaggio della matrice di stampa.

Riutilizzabilità dei nastri

L’attenzione alla riduzione degli sprechi, alla crescita sostenibile e all'ottimizzazione dei costi sono sfide sempre più centrali per molte aziende che attivano iniziative e progetti volti a contrastare le attuali problematiche ambientali.

La nuova soluzione Twinlock® è una sleeve autoadesiva brevettata che assicura l’adesività e il riutilizzo a lungo termine, garantito per ben 10 anni. Le maniche Twinlock® sono infatti di per sé adesive, in quanto incorporano una schiuma ammortizzante in poliuretano la cui adesività può essere riattivata dopo ogni utilizzo, ripulendole con un apposito additivo. La caratteristica unica di questo prodotto lo rende il fiore all’occhiello della gamma di soluzioni offerte da tesa, perché sostiene un’attività produttiva responsabile, attenta all’impatto dei materiali di scarto sull’ambiente. Scopri di più!


Nell'articolo di oggi abbiamo parlato degli utilizzi dei nastri per il montaggio delle lastre flessografiche, evidenziando gli aspetti da approfondire in fase di valutazione delle diverse soluzioni disponibili. Come si evince dall'articolo, emergono considerazioni determinanti per il successo dei risultati e la soddisfazione rispetto al prodotto finale.

Oltre ai parametri tecnici e alle indicazioni fornite dalle aziende clienti, è fondamentale esaminare attentamente le caratteristiche dei nastri, in particolare l’adesività e la morbidezza della schiuma nel caso degli ammortizzanti, valutando eventualmente l’adozione di soluzioni flessibili ed innovative come Twinlock®. Alla base di un’offerta in linea alle necessità di produzione ci sono ricerca e analisi continue, indirizzate a limitare le imperfezioni del risultato finale e a ottimizzare le fasi operative, da quella di prestampa alla consegna del prodotto finito.

Clicca qui sotto per ricevere una consulenza gratuita, scoprire i vantaggi della gamma tesa e trovare la soluzione ideale per soddisfare le tue necessità.

New call-to-action

New call-to-action

Il blog di tesa dedicato al mondo industriale: Carta e Stampa

Resta aggiornato sulle tecnologie più innovative e scopri le soluzioni per ottimizzare i processi di stampa flessografica e migliorare la qualità delle lavorazioni.

Iscriviti alla newsletter di tesa Carta & Stampa!

New call-to-action

Articoli recenti