<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=265538&amp;fmt=gif">

COME SCEGLIERE LE SOLUZIONI PER IL MONTAGGIO MATRICI PIÙ IDONEE

Pubblicato da Silvano Tamai il 18/04/2019 - Tempo di lettura: 3 minuti
Mi puoi trovare su:

soluzioni per il montaggio matriciLa ricerca delle giuste soluzioni per il montaggio matrici è uno dei compiti più importanti della squadra di produzione. Il fissaggio dei cliché precede la messa in stampa e prepara le lastre flessografiche per la tiratura dei materiali; è essenziale potere fare affidamento su strumenti innovativi, per rispettare le indicazioni fornite dalle aziende clienti e perfezionare i risultati del prodotto finito.

Nell'articolo di oggi, approfondiamo tutti gli elementi che il responsabile del montaggio deve considerare nella scelta dei nastri biadesivi più adatti.


Le soluzioni per il montaggio matrici: differenze e utilizzi

La stampa flessografica è un processo di stampa rotativa diretta, impiegato nel settore della produzione di film plastici o cartacei per il confezionamento merceologico e alimentare. L’utilizzo di questo metodo è sempre più diffuso, sia per la qualità del risultato finale, sia per lo sviluppo di tecnologie all'avanguardia che semplificano e ottimizzano le operazioni coinvolte.

Il mercato flessografico è in rapida evoluzione, così come la varietà di soluzioni per il montaggio matrici, una delle operazioni più delicate che precedono la messa in stampa dei materiali.

Come selezionare i nastri biadesivi più adatti alle specifiche esigenze di produzione? Ne parliamo nelle prossime righe, con alcuni consigli pratici.

La fase preparatoria alla stampa flessografica prevede l’analisi dei parametri forniti dall'azienda cliente. L’attenzione alle linee guida è determinante per il risultato finale, per cui occorre focalizzarsi sulle caratteristiche specifiche che possono avere un impatto sulla qualità dello stampato, ad esempio:

  • bordi e spaziature
  • allineamento degli inchiostri
  • adattamenti cromatici

I responsabili di montaggio ricoprono un ruolo centrale nella preparazione delle lastre flessografiche: oltre a supervisionare le operazioni meccaniche, specifiche per l’inchiostrazione dei cliché, hanno il compito di selezionare le soluzioni per il montaggio matrici idonee, a seconda del materiale da stampare, della tipologia di fotopolimero e delle condizioni delle sleeve.

New call-to-action

Per limitare le imperfezioni nel prodotto finito e ottimizzare i processi di stampa, è essenziale potere fare affidamento su tecnologie innovative, capaci di rispondere alle esigenze più diverse. Prima di approfondire le caratteristiche specifiche dei biadesivi, analizziamo le sfide più complesse per i responsabili del montaggio dei cliché.

Adesività

In fase di fissaggio delle lastre, l’adesività è un indicatore determinante per l’intero processo di stampa flessografica. Il nastro biadesivo deve assicurare la giusta aderenza tra i componenti ed evitare che si verifichi il cosiddetto edge lifting, ovvero il sollevamento della matrice dal biadesivo durante il processo di stampa, causato proprio da una capacità adesiva insufficiente. Allo stesso modo, l’aderenza non deve essere tale per cui le maniche e i cliché si danneggino quando vengono rimossi i supporti.

Formazione di bolle

La formazione di bolle in seguito al fissaggio delle lastre flessografiche incide in maniera decisa sul risultato finale. La composizione dei biadesivi più innovativi contribuisce a contrastare questo fenomeno e a limitare le imperfezioni sullo stampato. Inoltre, questi strumenti semplificano il posizionamento e il montaggio delle lastre, riducendo la probabilità di errore durante queste operazioni.

soluzioni per il montaggio matrici

L’obiettivo del responsabile di montaggio e delle squadre di produzione è realizzare prodotti di qualità eccellente che soddisfino l’azienda cliente e i consumatori finali. Affidarsi a un partner che offra una varietà di soluzioni adattabili a specifiche esigenze è fondamentale per rispettare i parametri più stringenti.

Ci sono poi condizioni particolari che guidano la scelta di materiali specifici: l’utilizzo di un ammortizzante che garantisca una superficie lineare per semplificare la distensione del cliché o, ad esempio, l’applicazione di un nastro con film di rinforzo in polietilene che si adatti a sleeve più consumate.

Anche le caratteristiche del fotopolimero possono indirizzare la produzione verso una soluzione rispetto a un’altra. Infatti, più lo stampato risulta dettagliato, più la scelta potrà ricadere su un nastro biadesivo dalla superficie in schiuma soffice e viceversa.

Una proposta di nastri biadesivi completa e innovativa supporta l’ottimizzazione di tutte le procedure di stampa e dei processi preliminari, offrendo soluzioni di ultima generazione, sviluppate da team di ricerca specializzati. Twinlock® è la manica autoadesiva brevettata, composta da una superficie in poliuretano che assicura una perfetta adesività nel tempo e un’elevata qualità di stampa, riducendo sprechi e consumi. La produzione è tailor made, personalizzabile in base alle indicazioni fornite dalle aziende clienti, e pronta all'uso. Inoltre, la manica autoadesiva semplifica le operazioni di montaggio e smontaggio delle lastre flessografiche, limitando le imperfezioni del prodotto finito.


Per conoscere l’ampia gamma di soluzioni per il montaggio matrici proposta da tesa, clicca qui: ti offriamo una consulenza gratuita e personalizzata!

New call-to-action


 

New call-to-action

Il blog di tesa dedicato al mondo industriale: Carta e Stampa

Resta aggiornato sulle tecnologie più innovative e scopri le soluzioni per ottimizzare i processi di stampa flessografica e migliorare la qualità delle lavorazioni.

Iscriviti alla newsletter di tesa Carta & Stampa!

New call-to-action

Articoli recenti